Noti imprenditori indagati per bancarotta fraudolenta: sequestrate quattro società

Noti imprenditori indagati per bancarotta fraudolenta: sequestrate quattro società

MESSINA – I finanzieri appartenenti al gruppo della guardia di finanza di Messina, su disposizione del giudice per le Indagini preliminari del locale tribunale, dott. Salvatore Mastroeni, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari a carico di M.A. di anni 67, imprenditore nel settore edile ed hanno notificato una misura dell’obbligo di dimora nel Comune di Messina ed una relativa all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Per un altro imprenditore del settore edile S.A. di anni 56 è stato disposto il divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriali per 12 mesi.

Con il medesimo provvedimento il g.i.p. ha disposto il sequestro preventivo dei conti correnti intestati a quattro società unitamente all’intero complesso dei beni aziendali, ovvero le quote di capitali e le azioni intestate, sia alle persone destinatarie delle misure cautelari personali restrittive, che agli altri indagati, per un valore complessivo di circa due milioni di euro.

Nell’ambito delle indagini svolte dai militari delle fiamme gialle, coordinate dal sostituto procuratore, dott. Antonio Carchietti, della procura della Repubblica di Messina, i quattro soggetti oltre ad altri cinque, risultano indagati in concorso per bancarotta fraudolenta, per aver distratto ingenti somme di denaro dal patrimonio di una S.r.l., con volume d’affari annuo di circa 1,5 milioni di euro, operante nel settore delle costruzioni con lavori affidati sia da enti pubblici che privati ed averne dolosamente cagionato il fallimento con l’aggravante della pluralità dei fatti commessi.

Gli analitici accertamenti svolti dalla guardia di finanza hanno consentito di svelare quello che si ritiene essere uno strutturato progetto criminoso che è stato attuato mediante una serie di operazioni commerciali e contabili grazie alle quale la S.r.l. è stata spogliata di propri beni e disponibilità economiche, mediante il dirottamento dei lavori pubblici appaltati ad altre imprese compiacenti.

L’attenzione degli investigatori si è concentrata sulla simulazione di atti di cessione di “rami d’azienda” e sull’attuazione di condotte distrattive effettuate ai danni del patrimonio societario, realizzate attraverso sistematici, ripetuti ed ingenti prelievi di denaro contante dai conti societari, mediante l’alterazione della contabilità, realizzata attraverso l’occultamento dei corrispettivi, la contabilizzazione di costi fittizi e l’annotazione di meri giroconti e risultati privi di qualsiasi giustificazione economica, cioè con la distrazione di risorse finanziarie e mezzi aziendali di valore. In alcuni casi i beni e le utilità stornate sono state occultate nei conti personali o nelle casse di altre società coinvolte, grazie anche alla compiacenza di alcuni dipendenti e collaboratori: L.F. di anni 35, L.M. di anni 43 e P.G. di anni 77, anch’essi indagati.

La S.r.l. oggetto d’indagine, senza apparente ragione economica che non fosse assorbirne gli utili, di fatto è stata abbandonata ad un inevitabile fallimento il cui scopo era che i creditori non trovassero risorse per soddisfare i propri diritti.

Il disegno criminoso, oltre che con i gravi illeciti contabili e fiscali rilevati, è stato anche attuato in alcuni casi mediante la rinuncia a rilevanti appalti pubblici ottenuti che ha consentito l’aggiudicazione a favore di altre società consenzienti, nei confronti delle quali, in qualche caso, è stata riscontrata anche la vendita dei beni strumentali, circostanza che è avvenuta grazie al coinvolgimento diretto anche di altri tre imprenditori indagati, A.G. di anni 72, B.C. di anni 64, S.G.M. di anni 43.

I provvedimenti odierni giungono al termine di una complessa ed articolata attività investigativa, anche di natura tecnica, e di mirati accertamenti bancari che hanno riguardato centinaia di conti correnti, consentendo di quantificare in oltre due milioni di euro la somma distratta ed in circa 5,5 milioni di euro i tributi non versati all’erario.

La pena prevista per il reato di bancarotta fraudolenta è la reclusione da tre a dieci anni.

Commenti