Macalube: recuperato anche il cadavere del fratellino

Macalube: recuperato anche il cadavere del fratellino

ARAGONA – Dopo ore di ricerche, grazie anche a un georadar messo a disposizione da un’azienda privata, è stato recuperato il corpo del fratellino di nove anni, Carmelo Mulone. Era sommerso dal fango a causa dell’esplosione di un vulcanello della riserva naturale di Macalube ad Aragona.

Una tragedia che non si può spiegare. Giovanna Lucchese, 45 anni, la madre dei due bambini ha accusato anche un malore appena è arrivata sul posto dove nella disperazione più totale invocava, piangendo, i nomi dei due figli. Accanto a lei il marito, Rosario Mulone, carabiniere di 46 anni, che l’ha abbracciata tutto il tempo tentando di confortarla.

Ma il primo a non trovare pace è proprio lui che, oggi in tarda mattinata ha portato i piccoli nella riserva per fare una passeggiata spensierata dal momento che era il giorno del compleanno di Carmelo che compiva 10 anni. E ha vissuto la loro morte in diretta.

Immagini di TVA Agrigento 

Pochi attimi e si è consumato il dramma. Un vulcanello è esploso e la violenta eruzione di fango caldo, gas e acqua ha travolto i due bambini. La femmina è morta subito mentre in un primo momento del maschio non si aveva alcuna notizia.

Sono iniziate subito le ricerche dei carabinieri, dei vigili del fuoco, del 118 e di alcune persone che si sono offerte volontarie e dopo poche ore anche il corpo di Carmelo è stato estratto dal fango.

Commenti