Lenzuola sporche da una settimana: parla Pellicanò, dirigente del Cannizzaro

Lenzuola sporche da una settimana: parla Pellicanò, dirigente del Cannizzaro

CATANIA – Da circa una settimana, nel reparto di nefrologia dell’ospedale Cannizzaro di Catania, il signor Francesco Sciuto ha le lenzuola sporche di sangue

“Ha dovuto dormire per ripetute notti in un lettino corredato di biancheria sporca senza che alcuna nostra lamentela venisse ascoltata”, queste le parole della signora Graziella Sciuto, figlia dell’80enne ricoverato nel nosocomio a causa della sua malattia renale. 

Abbiamo deciso, dunque, di sentire il dirigente dell’azienda ospedaliera Cannizzaro, Angelo Pellicanò che particolarmente irritato e all’oscuro di quanto comunicatogli ci ha spiegato come non fosse a conoscenza della situazione. 

Il punto è che alla richiesta della signora Sciuto riguardo al cambio delle lenzuola nel lettino del padre e di tutti quei pazienti ricoverati nello stesso reparto, le infermiere di turno le hanno risposto: “Vada a protestare con la direzione, noi qui possiamo fare ben poco: lenzuola non ce ne sono”. 

È per tale risposta che la prima domanda che poniamo al dirigente Pellicanò è… è vero che al Cannizzaro non ci sono lenzuola a sufficienza per poter garantire il normale cambio giornaliero ai pazienti ricoverati?

“Le lenzuola ci sono! – sbotta Pellicanò a gran voce – Sono certo che si sarà trattato di un disguido momentaneo tra la signora e la capo sala”.

Questo disguido momentaneo, però, dura da circa una settimana… come è possibile? 

“Non conosco nello specifico il paziente, non potrei ricordarmi di tutti, ma probabilmente si sarà trattato di un problema di cattiva comunicazione. Può capitare che in un reparto ci siano delle difficoltà… verificherò la situazione personalmente”.

Commenti