I poliziotti di Catania scendono in piazza: “Senza riordino delle carriere la sicurezza è a rischio”

I poliziotti di Catania scendono in piazza: “Senza riordino delle carriere la sicurezza è a rischio”

CATANIA – I poliziotti del Slip Cgil sono scesi oggi in piazza a Catania, alle ore 9,15, per protestare contro un “decreto irricevibile” di cui chiedono la modifica in Parlamento effettuando un sit-in di fronte alla Questura.

Sempre oggi, sono state organizzate proteste in tutta Italia denunciando il fatto che senza un riordino delle carriere nel comparto della polizia, la sicurezza di tutti i cittadini viene messa a rischio.

Slip Cgil ha denunciato, tramite il segretario provinciale Giuseppe Amadio, l’impossibilità di sfruttare l’occasione storica di risolvere problemi di organici, di mezzi e di strutture nonostante le risorse ottenute tramite una dura battaglia sindacale, a causa dell’emanazione di un decreto considerato assolutamente irricevibile.

I sindacati chiedono, infatti, un migliore utilizzo dei soldi già stanziati e che l’agente di polizia abbia la possibilità di poter progredire in carriera e di non rimanere bloccato a vita a causa della mancanza di concorsi interni.

Secondo il segretario provinciale bisogna valorizzare i titoli, i meriti e le professionalità di chi fa questo mestiere da una vita e c’è bisogno che l’intero sistema di polizia possa funzionare in maniera più efficiente tramite una crescita professionale e culturale del personale in divisa.

La denuncia del sindacato parte dalla preoccupazione di non riuscire più a garantire la sicurezza dei cittadini a causa di una Polizia di Stato sempre più anziana (con una età media che si aggira intorno ai 47 anni) e con ben 18 mila poliziotti in meno in tutta Italia, nonostante le crescenti esigenze in materia di sicurezza.

Commenti