Dal furto al ristorante alla violenta aggressione: in manette due coniugi e un 18enne

Dal furto al ristorante alla violenta aggressione: in manette due coniugi e un 18enne

SANTA VENERINA – I carabinieri hanno arrestato un 40enne, la moglie di 36 anni ed il nipote di 18 anni, ritenuti responsabili di rapina e furto aggravato.

Nella tarda mattinata di ieri, dopo aver tentato un furto in un pub di Via Vittorio Emanuele a Santa Venerina, in provincia di Catania, fallito solo perché non sono riusciti a forzare la porta d’ingresso, i tre si sono spostati in piazza Roma e hanno preso di mira un ristorante.

Hanno sfondato la porta d’ingresso del locale. Stavano portando via del materiale audio visivo e informatico quando, scoperti dal titolare del ristorante, lo hanno aggredito a calci e pugni.

Per fortuna, la vittima, avendo visto la porta del ristorante forzata, aveva chiamato al 112. I carabinieri, dopo una violenta colluttazione, hanno ammanettato il 40enne, inseguito e bloccato una Peugeot 206, con la quale gli altri due complici avevano tentato la fuga.

Il titolare del ristorante, trasportato e medicato all’Ospedale di Acireale, è stato giudicato affetto da lesioni multiple guaribili in una decina di giorni.

L’auto utilizzata dai malviventi è stata sequestrata insieme agli attrezzi da scasso trovati nel baule della macchina. La refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita al legittimo proprietario.

La donna ed il 18enne, assolte le formalità di rito, sono stati rinchiusi al carcere di Catania Piazza Lanza mentre il 40enne è rimasto ricoverato all’Ospedale di Acireale per delle lesioni riportate durante la colluttazione.

Commenti