Il “giro esterno” di Sant’Agata. Segui con noi tutte le tappe con FOTO e VIDEO a 360°

Il “giro esterno” di Sant’Agata. Segui con noi tutte le tappe con FOTO e VIDEO a 360°

Lo speciale S. Agata 2017 a 360 gradi è offerto da

 

CATANIA – In un tripudio di colori, acclamazioni, canti e preghiere, il fercolo di Sant’Agata è uscito dalla Cattedrale per il tradizionale giro esterno, che seguiremo, tappa dopo tappa, con un’ampia diretta con foto e video a 360°.

23,30 – Continua a seguire la diretta con noi con le esclusive foto a 360°

23,01 – Il cordone sta girando. Si procede verso piazza Risorgimento

22,58 – Breve sosta in via Aurora per i ceri votivi

22,38 – Le candelore precedono il fercolo fermo all’incrocio con via Vittorio Emanuele per le operazioni di scarico della cera

16466820_10210272937453648_43106195_o16523243_10210272925573351_1362452422_o16466439_10210272936253618_377724311_o

22,32 – Gli abitanti di via Plebiscito dedicano uno spettacolo pirotecnico ad Agata. Il fercolo è all’altezza dell’incrocio con via Vittorio Emanuele

21,43 – Inizia l’esplosione dei fuochi d’artificio dell’Azienda Metropolitana Trasporti

21,18 – La Santa sta proseguendo lungo via Plebiscito. Tra poco il tradizionale omaggio floreale alla Santuzza da parte dell’ospedale Vittorio Emanuele e i fuochi dalla vecchia rimessa dell’Amt

19,17 – Il fercolo è appena entrato nella chiesa di Sant’Agata la Vetere dove verranno celebrati i vespri

IMG_7030-min R0010176_20170204190549-min

18,01 – Si è conclusa la salita dei cappuccini e il fercolo si dirige verso via Plebiscito

17,47 – Comincia la tradizionale salita dei cappuccini con i devoti che trascinano il carro in uno dei percorsi più sentiti dai fedeli.

17,31 – Si stanno effettuando le verifiche tecniche per procedere in assoluta sicurezza alla “salita dei Cappuccini”. Il capo fercolo Claudio Consoli sta verificando con estrema attenzione la sicurezza dell’operazione.

16,55 – A breve si procederà alla tradizionale “salita dei Cappuccini”

IMG_0900

16,41 – È appena cominciato il discorso dell’arcivescovo Salvatore Gristina. “Ci troviamo in uno dei luoghi in cui Agata dichiarò il suo amore sconfinato per Dio. Sono onorato e lieto di partecipare a un momento così profondo e di così alto valore cristiano. L’alternanza tra il camminare e il sostare costituisce quasi il ritmo e il respiro della nostra vita. Tante volte, infatti, viviamo l’esperienza della sosta, quando, per esempio, la fatica attenua le nostre forze, la malattia rende vulnerabile la prestanza del nostro vigore, la difficoltà demotiva il nostro coraggio. Accade poi che in tutte queste ‘fermate’ possiamo lasciarci prendere dallo sconforto o dalla disperazione, oppure riflettere in modo propositivo su quanto ci sta accadendo, facendo, come si dice, il punto della situazione, cercando di riacquistare le forze che ci consentano di riprendere con rinnovato vigore il nostro cammino. È proprio questo il significato della processione che, avendo avuto inizio stamattina, ci ha già offerto diverse occasioni per riflettere e riprendere il cammino”.

IMG_7006-min

16,34 – La Santa è a appena arrivata a pizza Stesicoro, una delle tappe più affollate dell’intero percorso. Il fercolo si avvicina sempre più ai luoghi del martirio di Agata.

Agata IMG_6999-min

16,11 – Il fercolo procede da piazza Carlo Alberto, nota come a’ fera o luni, in un bagno di folla che fa da cornice a un’atmosfera unica. I balconi delle abitazioni vicine sono pieni di persone che assistono alla processione.

13,47 – I devoti ascoltano in religioso silenzio l’omelia pronunciata in piazza Iolanda

13,14 – Il fercolo con le reliquie della “Santuzza” è giunto in piazza Iolanda. Sono in corso le operazioni di scarico della cera. Il cordone sta per essere girato per posizionare la Santa in direzione di via Umberto.

R0010145_20170204122513-min

Foto panoramica 360

12,32 – Sant’Agata è arrivata in viale Libertà

R0010144_20170204115922-min

Foto panoramica 360

12,02 – I devoti sono in attesa della Santa al viale Libertà

Stazione-min

Foto panoramica 360

11,44 – Il fercolo è arrivato alla stazione.

11,07 – Da poco superata piazza dei Martiri, via ai fuochi d’artificio. A breve arriverà alla stazione

R0010136_20170204105804-min

Foto panoramica 360

 

R0010135_20170204105714-min

Foto panoramica 360

 

10,56 – il fercolo ha raggiunto piazza dei Martiri

10,26 – Le candelore accompagnano la Santa nel suo giro esterno

R0010131_20170204101223-min

Foto panoramica 360

9,55 – La Santa sta per giungere alla fine di via Vittorio Emanuele e raggiungere piazza dei Martiri

9,25 – Il fercolo ha girato in direzione di via Cavour per immettersi in via Vittorio Emanuele

9,10 – Superata Porta Uzeda, il fercolo si muove lentamente verso piazza dei Martiri.

7,49 – Il fercolo si avvia verso Porta Uzeda per raggiungere via Cardinale Dusmet e proseguire verso la stazione centrale costeggiando “gli archi della Marina”.

7,36 – Mons. Barbaro Scionti prende la parola prima di dare il via al giro cittadino. “L’esempio di Agata, che ci sta innanzi e per la quale esultiamo in questi giorni, ci insegna che il cristiano confida in Dio e non si lascia rubare la speranza. Il cristiano autentico, il devoto di Agata, sincero, è chiamato a non cedere alle lusinghe dei Quinziano di oggi, schiavi del fascino del potere, della celebrità e delle mode di turno, a non concedere nulla a chi, forte di alte protezioni, minaccia vendetta, a non retrocedere neppure dinnanzi alla violenza e alla morte, certo, nella speranza, che Gesù risana dalla ferite e Dio risuscita i morti.”.

7,27 – Si è da poco conclusa la tradizionale “Messa dell’Aurora”. Il busto della Santa è stato posizionato sul fercolo mentre i devoti omaggiano Sant’Agata di canti, fiori, ceri e preghiere.

Commenti