Catania, nubifragio e tromba d’aria, il Comune ieri smentiva pericolo meteo

Catania, nubifragio e tromba d’aria, il Comune ieri smentiva pericolo meteo

CATANIA – Catania e la riviera jonica sotto una coltre d’acqua, un vero e proprio nubifragio.

Danni, momenti di caos e paura un po’ da tutte le parti. Nei pressi di piazza Alcalà, di fronte agli “archi della marina”, la tromba d’aria ha stroncato un albero che è caduto sopra il rifornimento di benzina. Il gestore si è salvato per miracolo.

20141105_122409

Tragedia sfiorata anche alla palestra Virgin Active di via Messina dove un’installazione dell’impianto di condizionamento è stata letteralmente sradicata dal tetto, ove era ubicata, provocando ingenti danni alle auto in sosta.

foto 1

Fortunatamente, seppur si tratti di una zona molto trafficata, nessuno stava attraversando quel tratto. Una mattinata veramente difficile in città e in provincia dove sono stati impiegati tutti i mezzi della centrale operativa del 118 attiva all’ospedale Cannizzaro.

IMG-20141105-WA0065

All’interno dei locali della palestra si è scatenato il panico. I clienti sono stati invasi da una nube di polvere ed è stato impossibile mantenere la calma, come ci raccontano alcuni di loro.

foto 3

Le persone hanno immediatamente lasciato l’edificio in attesa delle forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, polizia, carabinieri e protezione civile.

All’arrivo dei vigili del fuoco è stato effettuato un sopralluogo per verificare le condizioni generali dell’immobile che, da lì a poco, è stato dichiarato inagibile.

Per evitare fenomeni di sciacallaggio c’è stato un presidio fisso dei carabinieri all’interno dello stabile.

IMG-20141105-WA0019

Anche l’edicola e il benzinaio di fronte hanno subito non pochi danni come ci conferma la signora Giusy Lombardo, titolare del chiosco di giornali, che, tra le altre cose, lamenta una scarsa attenzione delle istituzioni locali sulla gestione dei parcheggi e della viabilità della zona.

Proseguendo su via Messina assistiamo ad un altro degli effetti devastanti della tromba d’aria. Il tetto della concessionaria “Peugeot Cisauto service”, ha ceduto alla furia del vento gettando nel panico e nello sconforto chi ha assistito alla scena.

IMG-20141105-WA0089

A causa del maltempo si è bloccata per più di un’ora la circolazione dei treni fra Cannizzaro e il centro di Catania perché le forti raffiche di vento hanno scaraventato alcuni teloni sui cavi dell’alimentazione elettrica. La temporanea interruzione ha causato un ritardo di 45 minuti all’Intercity Siracusa-Roma, dai 20 ai 60 minuti alle tratte regionali mentre una corsa è stata proprio cancellata.

Anche ad Acireale grossi disagi per le forti raffiche di vento e ci sono stati quattro feriti ma non gravi, tre per ferite lacero contuse e uno per trauma cranico. Il tratto della strada statale 114 è stato chiuso al traffico per la caduta di alcuni alberi sulla carreggiata ma adesso è stato riaperto. Sei squadre dei vigili del fuoco da questa mattina sono all’opera, per svolgere verifiche nelle abitazioni dal momento che molte case sono state scoperchiate.

IMG-20141105-WA004

Per domani il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, ha ordinato la chiusura delle scuole consigliando di evitare qualsiasi spostamento. Scuole chiuse domani anche ad Aci Catena e Riposto.

IMG-20141105-WA011

Con molta prudenza già ieri, invece, il sindaco di Aci Castello, Filippo Drago, facendo seguito all’allerta meteo della Protezione civile, aveva predisposto, per oggi, la chiusura delle scuole.

Il comune di Catania, invece, con il solito linguaggio burocratico, aveva emesso il seguente comunicato:

Comune di Catania – Ufficio Stampa – 04.11.2014 – NOTA PER LA STAMPA – SMENTITE VOCI PERICOLO METEO A CATANIA : L’Ufficio di Gabinetto del Comune di Catania, alla luce dei bollettini emessi e con il conforto degli esperti della Protezione civile, ha smentito le voci diffusesi in città a proposito di un pericolo meteo nella giornata di domani nel territorio catanese.

Ma dopo aver preso un abbaglio pochi istanti fa ha fatto un passo indietro ordinando la chiusura di tutte le scuole del territorio catanese a scopo precauzionale a causa dell’allerta meteo diffusa dalla protezione civile con codice rosso.

Marco Bua – Giorgia Mosca  – Alessandra Modica 

Commenti