Catania, consegnati dal Codacons 8 milioni ai medici

Catania, consegnati dal Codacons 8 milioni ai medici

CATANIA – Francesco Tanasi segretario nazionale Codacons ha “regalato” la maxi-cifra di 8 milioni di euro a circa 300 medici specializzati residenti in Sicilia i quali, grazie all’azione legale avviata dall’associazione, hanno ottenuto una clamorosa vittoria in Tribunale. “La vicenda riguarda i mancati compensi elargiti dallo Stato ai medici durante gli anni di specializzazione spiega il Codacons –. La class action avviata dall’associazione per conto dei medici residenti in Sicilia, ha avuto esito positivo e il Tribunale di Roma ha pienamente riconosciuto il loro diritto a percepire le retribuzioni non pagate. A seguito di tale sentenza, la Banca d’Italia ha ora provveduto ad emettere tutti i vaglia cambiari nominali, che sono stati da Tanasi consegnati ai medici vincitori“.

All’incontro moderato dal direttore del Dipartimento Sanità Nino Rizzo sono intervenuti il sindaco Enzo Bianco che ha elogiato le battaglie del Codacons e i continui successi, diventato ormai punto di riferimento di tutti i cittadini. Successivamente sono intervenuti Giovanni La Via, presidente della Commissione europea Ambiente e Sanità, gli europarlamentari Michela Giuffrida e Salvo Pogliese, Giuseppe Beretta della Commissione Giustizia della Camera dei deputati, il presidente dell’Ordine dei medici Massimo Buscema, il preside della facoltà di Medicina Francesco Basile, l’on. Nino D’Asero, il direttore generale dell’azienda ospedaliera Cannizzaro, Angelo Pellicanò.

Tanasi ha concluso l’incontro ricordando le battaglie che il Codacons sta conducendo in tutta Italia, i recenti successi ottenuti ed annunciato l’avvio di una nuova class action per tutti i medici  che non hanno potuto aderire alla prima e l’avvio di nuove iniziative in Sicilia contro la malasanità.

tanasi 1

All’ incontro erano presenti presenti amministratori locali provenienti dalle diverse province, rappresentanti della sanità siciliana e esponenti dei partiti.

Commenti