Avrebbe favorito un’azienda confiscata alla mafia. Salvo Ferlito a processo

Avrebbe favorito un’azienda confiscata alla mafia. Salvo Ferlito a processo

CATANIA – L’associazione dei costruttori edili di Confindustria, in qualità della Comer costruzioni meridionali, è indagata dalla Procura di Catania con l’aggravante di avere agevolato l’associazione mafiosa di Salvo Ferlito, presidente dell’Ance Sicilia.

La prima udienza della richiesta di rinvio a giudizio, davanti al gip Rosa Alba Sammartino, è stata rinviata a giugno per un difetto di notifica.

Secondo l’accusa l’associazione avrebbe fatto lavorare in sub appalto un’azienda confiscata alla mafia, senza autorizzazione e senza informare gli amministratori giudiziari.

Nell’inchiesta, coordinata dal procuratore Giovanni Salvi e dal sostituto della Dda Antonino Fanara, sono imputati anche due funzionari della provincia di Catania, ente titolare dell’appalto per il rifacimento di una strada nei pressi di Castel di Judica, che avrebbero dovuto controllare i lavoratori e le imprese impegnati nella realizzazione dell’opera.

Per loro il reato ipotizzato è di mancato controllo nella concessione del subappalto. 

Commenti