“Autogol” per un ventenne ucraino, la partita Napoli – Real Madrid gli costa l’arresto

“Autogol” per un ventenne ucraino, la partita Napoli – Real Madrid gli costa l’arresto

ALCAMO – Avrebbe dovuto rimanere a casa data la sua condizione di sorvegliato speciale, invece non solo se n’è andato in giro per il paese, ma è stato anche beccato dai carabinieri dentro ad un centro scommesse durante la partita Napoli – Real Madrid.

Parliamo di Mukola Melia, ventenne ucraino, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, appunto, che la scorsa sera è stato colto con le mani nel sacco.

I carabinieri hanno ispezionato numerosi centri scommesse della città, spesso luoghi di ritrovo di soggetti già noti alle forze dell’ordine. In una delle sale da gioco, i militari hanno notato un giovane che, invano, ha cercato di nascondersi alla loro vista pensando che gli uomini in divisa fossero lì solo per accertarsi del risultato della partita.

Lo scopo del sopralluogo dei carabinieri era, invece, proprio quello di cercare e trovare eventuali soggetti sottoposti a misure restrittive e che spesso si ritrovano in questi esercizi commerciali, invece di rispettare le restrizioni loro imposte.

Mukola Melia

Mukola Melia

I militari hanno riconosciuto e quindi arrestato il ragazzo ucraino, perché a quell’ora, le 21.30 circa, non poteva trovarsi in quel luogo. Dopo una notte trascorsa nella cella di sicurezza, oggi il giovane dovrà presentarsi davanti al Gip del Tribunale di Trapani per la convalida dell’arresto e la sottoposizione al processo.

Commenti