Aumenta la disoccupazione in Sicilia, Catania registra il 19%

Aumenta la disoccupazione in Sicilia, Catania registra il 19%

CATANIA – La crisi economica che sta mettendo in ginocchio l’Italia è cominciata nel lontano 2008, incrementando nell’arco degli anni la crescita del tasso di disoccupazione che nella provincia di Catania tocca ormai il 19,2%. 

Questo ormai è un problema diffuso a macchia d’olio in una regione come la nostra dove il tasso di povertà è arrivato al 41%, come sottolineato da Rosaria Rotolo della Cisl che dichiara: Gli ultimi dati rappresentano un mezzogiorno arretrato, con una crisi che coinvolge tutte le regioni del sud. Se non si metteranno in campo interventi determinanti a restare gravemente compromessa sarà l’economia dell’intero paese”.

Pochi giorni fa davanti agli uffici della prefettura di Catania si è svolta una manifestazione da parte delle maggiori sigle sindacali, compresa la Cisl, con l’intento di smuovere l’amministrazione comunale soprattutto dopo l’ultimo scandalo di “Affittopoli”. 

Tra le province siciliane quella di Catania è l’unica dove vi è una forte presenza di aziende private che nonostante le varie difficoltà riescono ancora ad offrire delle opportunità lavorative. 

La crisi economica sta vivendo il suo momento peggiore dal 2012, i picchi di ripresa sono stati davvero irrisori, infatti proprio in questo periodo la gente, sempre come sottolineato da Rosaria Rotolo, cerca rifugio nei sindacati con continue richieste di ammortizzatori sociali. 

 

Commenti