Arriva “CATANIALeaks”, il blog su cui denunciare le piaghe della Sicilia

Arriva “CATANIALeaks”, il blog su cui denunciare le piaghe della Sicilia

SICILIA – Da qualche mese è presente sulla rete un nuovo blog chiamato CATANIALeaks ideato da giovani siciliani costretti ad emigrare all’estero per rendere pubbliche informazioni di rilevanza politica, amministrativa, sociale ed economica. 

Chiunque abbia una storia che riguardi politica, mafia o qualunque altra realtà scomoda da raccontare a viso aperto ha la possibilità di collegarsi al sito e caricare, in modo del tutto anonimo documenti e informazioni che, con internet e la crittografia, sono acquisibili in modo non rintracciabile quindi in totale sicurezza. Il blog dà anche la possibilità di lasciare dei post di commento e aprire discussioni di dibattito su situazioni che sono state rese pubbliche.

La tecnologia arriva in aiuto dei cittadini catanesi e siciliani in genere per poter condividere in totale libertà comunicazioni che possano aiutare ad uscire da quel clima di oppressione, ribellione repressa e rabbia soffocata che spesso non vengono allo scoperto per paura di ritorsioni personali e altro. Non si parla solo di omertà di cui spesso il siciliano è accusato ma di impossibilità nel narrare fatti e situazioni che ogni giorno si dispiegano sotto gli occhi impotenti di molti cittadini che per mantenere il proprio lavoro o tutelare la propria vita preferiscono il silenzio all’aperta denuncia.

Il blog è sostenuto dal movimento “Vespri” nato da qualche mese a Catania e formato da persone tra i 30 e i 40 anni che sentono l’urgenza di smascherare gli abusi di potere, le ingiustizie e la corruzione nelle pubbliche amministrazioni.

L’idea di sostenere questo blog – afferma Francesco Spampinato membro dei Vespri nasce dal bisogno di far tornare a sperare molte persone che ormai hanno completamente perso la fiducia sia nei confronti della politica che verso la società tutta. Molte sono le persone che non andranno più a votare e incalcolabile è il numero di giovani che sono costretti, per l’assenza di meritocrazia, ad emigrare all’estero perdendo le proprie radici. Siamo contro la corruzione, l’assenza di trasparenza e di meritocrazia, contro un burocrazia che immobilizza il nostro paese  e vorremmo per il bene di tutti uno Stato più leggero ed autorevole

Fonte di ispirazione di questi giovani è il mondo anglosassone lontano non solo fisicamente ma anche culturalmente dal nostro paese e che “dovrebbe essere fonte di ispirazione per combattere contro una mentalità che si è radicata in Italia negli ultimi 50 anni. Vorremmo che l’Italia e la Sicilia in particolare, da paese dei privilegi per pochi si trasformasse nel paese dei diritti e dei doveri per tutti“.

La presentazione del blog si conclude con una frase di Oscar Wilde “dategli una maschera e vi dirà la verità”. La maschera è stata data, ora si aspetta solo che il cittadino condivida la sua verità per combattere le ingiustizie e i soprusi che paralizzano un’isola dalle infinite risorse.

Commenti