Agrigento, fermati gli scafisti della morte

Agrigento, fermati gli scafisti della morte

AGRIGENTO – La Polizia di Stato di Agrigento ha fermato due cittadini ghanesi, Ellis QUARSHIE, 20 anni, Gordon SAWIRI, 29, con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e naufragio.

Le accurate indagini degli inquirenti hanno permesso di risalire all’identità dei due scafisti e di collocarli come responsabili dello sbarco di 122 migranti dalla Libia verso l’Italia, avvenuto il 27 agosto scorso.

I due per mero interesse di profitto economico, anche indiretto, non solo hanno consentito l’ingresso illegale in Italia dei migranti, avvenuto il 27 agosto, ma li hanno posti in grave pericolo di vita conducendo, governando e tracciando la rotta alla guida di un’imbarcazione inadatta a trasportare un numero così spropositato di persone ed in precario stato di galleggiabilità.

arresto scafista 2

Ai due ghanesi è contestato il reato di naufragio, poiché a causa della loro condotta criminale, hanno causato  il naufragio dell’imbarcazione in cui hanno perso la vita un numero imprecisato di persone, i cui corpi non sono stati recuperati. Solo i cadaveri di tre donne sono stati recuperati da un’unità navale della Guardia Costiera e condotti nel porto di Reggio Calabria. I fermati, dopo le formalità di rito sono stati condotti nella casa circondariale di Agrigento a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Commenti