Acireale, “LASCIA PAGATO UN…”: iniziativa per aiutare i più bisognosi

Acireale, “LASCIA PAGATO UN…”: iniziativa per aiutare i più bisognosi

ACIREALE – L’assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Acireale, in collaborazione con i consiglieri comunali Orazio Frizzi, Mariella Bonanno e il CSVE, hanno promosso l’attività di food sharing con l’iniziativa di solidarietà “LASCIA PAGATO UN…”. 

L’iniziativa, che ha preso quest’oggi il via, è inserita nel programma “Acireale Comunità Solidale” e coinvolgerà tutti gli esercizi commerciali del territorio che esporranno il logo “LASCIA PAGATO UN…”. 

I cittadini potranno lasciare nei negozi aderenti una quota che sarà destinata ai centri di raccolta alimentare del territorio.

L’assessore D’Anna ha così spiegato: “L’iniziativa è volta a promuovere in modo semplice e diretto la solidarietà nei confronti dei più bisognosi. I cittadini, mentre fanno la spesa nelle botteghe, nei panifici, nelle macellerie potranno simbolicamente lasciare in sospeso un chilo di carne o un chilo di pane. Tutte le quote a fine gennaio saranno raccolte e destinate ai centri di distribuzione di generi alimentari. Invitiamo tutti i commercianti del territorio ad aderire all’iniziativa, contattando l’assessorato allo 095895700, o rivolgendosi agli organizzatori”.

“Le associazioni di volontariato, grazie all’amministrazione e ai consiglieri comunali, saranno protagoniste di questa attività e daranno il loro contributo per il risultato positivo dell’iniziativa – ha dichiarato il presidente del CSVE, Salvo Raffa -. Il CSVE è coinvolto attivamente nel programma Acireale Comunità Solidale e collabora con tutte le iniziative organizzate in favore della comunità. Siamo riusciti a coinvolgere attivamente anche gli studenti che la domenica sera dedicano qualche ora del loro tempo a cucinare e servire la cena per gli ospiti del cento d’accoglienza San Camillo”.

I consiglieri comunali e tutti i promotori dell’iniziativa sperano che, in questo modo, scatti una gara di solidarietà con il fine di aiutare i più bisognosi. 

Commenti